Sinner ha eliminato il Madrid. Aliassime lo annienta: 6-1 6-2

Sfumano i quarti per l’altoatesino, con il canadese che chiude 6-1 6-2 e se guadagna uno ritrovato con il n.3 al mondo Zverev

È stato un perfetto Felix Auger-Aliassime che è andato al Mutua Madrid Open, a volte nel finale. Farne è ora l’ultimo rivale italiano del pomeriggio, Jannik Sinner (n. 12 Atp), eliminato con un punteggio eccezionale: 6-1 6-2, maturato in un’ora e 19 minuti di gioco. Alla luce della differenza nel servizio fornito dal canadese, lui che secondo quanto riferito ha il 90% dei punti con il premio (26/29), mentre dall’altra parte della rete ha ingrassato poco per discostarsi da Ben 4 break subiti nel party corso. Nel quarto quarto di finale sarà il n.10 della classifica mondiale il secondo big del torneo, Alexander Zverev, che ha approfittato del rito di Lorenzo Musetti per aggiudicarsi il primo set. Per Auger-Aliassime se si tratterà del terzo quarto di finale in un Masters 1000 e del settimo match in portante contro il tedesco, in vantaggio per 4-2 negli scontri diretti.

LA FESTA

Fu un inizio scoppiettante a cui avrebbe partecipato il suo Stadio 3 dell’impianto della Caja Màgica con Felix Auger Aliassime e Jannik Sinner. Entrambi gli sfidanti non danno respito all’avversario con un tennis tutto bum-bum, imprimendo i suoi lunghi ed intensi scambi da fondo campo. Il primo a cedere in questo braccio di ferro, ma, è l’italiano che nella quarta partita concede il break di 3-1, dopo aver commesso doppio fail. Da qui in poi Aliassime se la mette in totale controllo della parte, confermando che il break sembra riuscito e soddisfatto dopo un secondo, ai tempi di vincenti, nel sesto game. Di lì a poco l’allievo di Tennis Canada ha scontato il match e si è presentato al 36° minuto di gara: il punteggio è stato condannato 6-1. Nel secondo set la storia non cambia e se si assiste a una partita decisamente in Salita per Jannik: nella prima partita, infatti, se Giocano ben 16 punti di cui 7 sonoi gratuiti. L’azzurro spreca inoltre 5 possibilità portarsi avanti nel punteggio, prima di cedere il servizio e ritrovarsi ancora a rincorrere 0-1. Un peccatore nella fase calda favorisce l’indicibile attaccante canadese anche nella quinta partita, due dei quali sono n. 10 al mondo e beneficiano di una seconda squadra che avrà la vittoria per 4-1 sulla piazza. Difendere il vantaggio ottenuto è ormai diventata una routine per il canadese, che sì assicura la vittoria con una partita perfetta al servizio per 6-2.

Add Comment