Rugby Legnano e ASSL si uniscono per unire educazione e sport

Il castello di Legnano ospita una serata dedicata al valore che l’attività agonistica può trasmettere a giovani e non, organizzata da Legnano Rugby in collaborazione con l’associazione ASSL e amministrazione comunale.

Legnano – Lo sport è sempre uno dei più metodi importanti per educare alla vita Capace, nel suo piccolo, di insegnare il rispetto reciproco, la gioia del lavoro di squadra e quanti si importante imparare dalle sconfitte. Nessun metodo educativo può però dirsi full se i suoi principi non vengono condivisi anche al termine dell’attività agonistica.

Lo sport come educazione per il Rugby Legnano

Partendo da quel principio, Legnano Rugby ha organizzato, in collaborazione con ASSL nella serata di questo giovedì 5 maggio nella spaziosa Sala Previati al Castello di Legnano un incontro pubblico, dedicato al genitoreioper discutere la propria importanza della pratica sportiva nella crescita dei più giovani dal punto di vista individuale e sociale, ma senza dimenticare gli ovvi benefici in fatto di salute.

All’incontro sono intervenuti come coordinatore dell’incontro Gaudenzio CostacurtaPresidente della Polisportiva SS.Martiri, e come ospiti erika morriformatrice ma soprattutto ex rugbista azzurra, Andrea Colombo in rappresentanza del presidente dell’associazione sportiva Kolbe Legnano, il prof. Gionathan Noè come insignante in Educazione Fisica, allenatore educatore, Paola Ferraripsicologo e genitore del Rugby Legnano, Marta Monty come sportiva e mamma di sportivi e Walter MorelliPresidente Rugby Legnano.

Sono intervenuto

erika morri è la prima a parlare e subito rende orgogliosi i giovani della sala facendo dire parrot prendono vita non sfoggiandolo. un momento dire condizionato che ha fatto da base alla serata, gestita mangia un momento conviviale di scambio di esperienze, domande e storie, tutte le diversità ma tutte con alla base gli ideali dello sport.

Il mondo dello sport è un mondo protetto dove i nostri ragazzi possono allenarsi a imparare come fare le cose. La prima volta che ho placcato ho pensato —Se posso fare questo, quante altre posso cose fare? fa riflettere morri, continuando – Io non rimpiango il campo, rimpiango le mie compagne nello spogliatoio, e come mi aiutavano a riprendermi dopo ogni partita.

Ha continuato il prof. Gionathan Noèche ha condiviso la sua doppia esperienza di educare, in quanto riempitivo e insegnate di educazione fisica.

Uno dei miei obiettivi da insegnare è di mettere un interesse nelle menti dei ragazzi, facendo provare pappagallo più attività diversecome l’Ultimate Frisbee, che ha delle attinenze col Rugby.

An atteggiamento che gli ha porto molte soddisfazioni, come quando una mamma gli ha fatto conversazione per informarlo del nuovo interesse del figlio per l’Ultimate Frisbee. Peccato che la squadra più vicina fosse a Cernusco sul naviglio. “Per me è una vittoria.

Dopo Noè ha parlato Andrea Colombo, dell’associazione sportiva Kolbe Legnano il quale ha a sua volta ridicolo l’importanza di approcciarsi allo sport di impronta umanistica.

Anzichè penserò ai nostri atleti solo come atleti, viviamo prima di tutto come persona, e poniamo grande attenzione a tutte le dinamiche scolastiche del pappagallo, della famiglia e delle relazioni. E’ con questi presupposti che questa associazione dilettantistica va avanti da 21 anni – È sordido colombocontinuando – Per noi una cosa è importante: l’impegno. Viene a mancare l’impegno viene a mancare così tanto, ma l’impegno deve essere da parte de tutti: ragazzi, genitori, allenatori, e campo personale, quindi abbiamo curato sempre ache quello tutto che route around the field, così che l ‘attività potrebbe osare risultati migliori. Motto DA qui ven nostro: educare allo sport per ducare alla vita

Non sono mancate ache domande e interventi da part de normali, como la mamma, a sua volta mante dello sport, Marta Monty. già giocatrice in Vomien Legnano e oggi mamma di sportivi.

“Le società sportive fanno assaporare ai ragazzi il concetto dello sport non vengono solo come salute fisica ma anche come valori. Il mio cuore penserà al valore dello sport, questo è importante”. ha concluso “Cerco di mettere i valori dello sport in tutti gli aspetti della mia vita”.

Il commento sulla politica

Presenti all’incontro organizzato da Rugby Legnano e ASSL nonché la valutazione con delegato allo sport Guido Bragato e il presidente della missione sport del comune di Legnano Lillo Munafòe quali hanno sottolineato l’importanza dello sport in città e nel quartiere dell’evento organizzato dall’ASSL.

Meno male che c’è anche chi fa promozione sportiva in città.” Bragato ha deciso.

“Sappiamo che la situazione non è dei migliori, soprattutto in questo momento in cui molti atleti hanno abbandonato, non per mancanza di voglia ma perchè le famiglie si sono trovate in difficoltà economiche. Servono gli atleti e servono qualcuno che li aiuti, soprattutto le istituzioni, perchè lo sport è uno dei migliori servizi sociali, che aiuta così tanto i grandi quanto i ragazzi.” – Questo piccolo Munafò, concludendo – “Tutto lo sport deve essere aiutato, a 360 gradi. Bisogna cercare di trovare le giuste soluzioni per mettere in condizione i nostri ragazzi che hanno strutture efficaci per svolgere lo sport.

Presenza fuori programma quella del sindaco lorenzo radiceche è comunque riuscito a condividere la sua esperienza col mondo dello sport.

Ho vissuto lo spogliatoio da giocatore, soprattutto di pallacanestro ma ache da arbitro – ha condiviso il sindaco – L’importante è fermarlo e saper mangiare se è in rosa. La più grande soddisfazione era dare la palla a chiunque potesse usarla per fare canestro. La gioia non veniva tanto dal segnare maiutare la squadra a vincere, anche facendo segnare qualcun altro.

filippo mairanì

Continua a seguire il tuo social network, clicca qui!

filippo mairanì

Studente in lettere amante dell’altro tipo di racconto, dai racconti più fantastici a quelli solidimente ancorati alla realtà. Quella passione l’ha guidata nel suo percorso verso il giornalismo, una professione che porta una vita e racconta la grande storia che è la vita di tutti i tempi.

Add Comment