perché non ci sarà Damiano Caruso. Sarebbe salito sul podio per l’Italia – OA Sport

In un Bel Paese che fa tanto, tanto fatica nelle corse a tap, L’unica certezza è quella di Damiano Caruso. Negli ultimi anni il Siciliano è riuscito a trovare il salto di qualità definitivo, non nella trentacinquesima primavera sorpassa abbondantemente, trasformandosi da gregario di Lusso a capitano della Bahrain-Victorious.

La top-10 vince il Tour de France 2010, poi il clamoroso podio del Giro d’Italia 2021, secondo solo alle spalle di Egan Bernal. Dal ragusano ci si apettava tanto in questa nuova stagione, ma purtroppo le sue gesta non potranno essere messe in mostra nella gara di casa: l’azzurro non sarà al via da Budapest del Giro.

Giro d’Italia 2022: il borsino dei favoriti e la griglia di partenza. Carapaz e Yachts parto davanti a tutti

La scelta, in accordo con la squadra, è arrivata ormai da mesi, proprio al momento del programmare gli appuntamenti. La preferenza è stata risale ad una corsa ad alto valore mediatico come la Grande Boucle: a luglio sulle strade francesi il siciliano potrà giocarsi un importante piazzamento.

purtroppo ma è una chance fondamentale persa: con una startlist di livello non eccelso nella Corsa Rosa ci consentire state grandi possibilità, molto probabilmentesreebbe partito tra i favoriti per confermare il podio del 2021.

Foto: Lapresse

Add Comment