Miami, Magnussen: “Bel mix, per me ogni GP adesso è una gioia” – F1 Piloti – Formula 1

Se si sa poco o niente, a livello globale, delle reali caratteristiche del nuovo tracciato cittadino di Miami, che accoglierà por la prima volta in assoluto an internazionale competizione questo fin setimana proprio con il GP di Miami di Formula 1. Un evento che battezzerà quindi il circuito costruito nei pressi dell’stadio hard rockNel cuore di uno Stato come la Florida che non mancherà di mancare tutti i suoi affetti e sostegni in una categoria, come quella del Circo, che sta crescendo sensibilmente in termini di passione e popolarità negli Stati Uniti.

Quel che è certo, in ogni caso, è dettato dal design della pista, la quale riserva due lunghi rettilinei ed una variazione di altitudine tra le curve 13 e 16 nei suoi quasi 5 km e mezzo totale. Ma quali saranno i punti più indicati per portare a termine un sorpasso? A questa domanda ha cercato di dare una risposta Kevin Magnussenautore di tre piazzamenti a punti nelle prime quattro gare disputa quest’anno al volante della Haas: “Io suono dovuta grande opportunità di sorpasso all’altezza dei due rettilinei – ha spegato il danese – la pista presenta un buon mix di tratti ad alta e bassa velocità; dalla curva 4 alla 11 è una percorrenza più elevata, mentre dalla curva 11 alla 6 è addirittura molto bassa. Con questo mix, quindi, se aspetto, farò un buon lavoro”.

Indipendentemente dall’occasione che il riser sarà in strada, Magnussen ha comunicato di aver sentito le sue prime sensazioni al momento del ritorno in F1, ma al volante di un pilota monoposto che ha sentito una modifica normativa per alcuni aspetti rivoluzionari: “Penso che questo sia lo stato un cambiamento positivo con questa nuova vettura – ha aggiunto – e il mio sto sicuramente divertendo. Sembra che ci sia molto più spazio per spingere e attaccare. Sento una buona atmosfera, sono ancorato lavorandoci sodo, è possibile metterlo in buona forma, ma ho fatto alcuni progressi molto buoni. Fino ad ora ogni GP è stato una gioia, e non vedo l’ora che arrivino gare, indipendentemente dal continente. È bello poter tornare sulla sua traccia in cui conservo bei ricordi, e dove ho una certa esperienza. In Europa ce ne sono alcuni in cui categoria corso dalla giovanili, come Silverstone e Monza: sono posti iconici dove c’è una grande bella atmosfera, come Spa-Francorchamps”.


VET | Alessandro Prada


PRENOTAZIONE RIPRODUZIONE




Add Comment