ecco perché Allegri ci crede

TORINO – Il Genoa domani a Marassi come antipasto della finale di Coppa Italia, il vero piatto forte di questa bizzarra stagione per la juventino. Partiti malissimo, da fin novembre i bianconeri hano provato a raddrizzare il timone e tornare sulla rotta giusta, ma la sconfitta con l’Inter ha rimescolato tutto ridefinendo missioni e obiettivi. Non la fama, il desiderio, perché per Massimiliano Allegri cura dell’uomo non deve mai «l’ambizione di gran bene. Dico sempre: niente è impossibile, così tutto può diventare possibile. Non dobbiamo mettere un limitatore nel voler raggiungere gli obiettivi». A Genova ecco il warm up per il Gran Premio dell’Olimpico, con bambino miretti titolo confermato Partita dove sarà il caso di «Eviterò la cifra lorda» e che servirà a preparare il finale di mercoledì, ora che il quarto posto Champions è storia. Per Allegri «era l’obiettivo minimo»: già, questa Juve fare di più, molto di più poteva.

Coppa Voglia

Tra sei giorni sarà tutto il tempo per testare la forma di chi rientrerà di sicuro – Piazza e probabilmente De Sciglio domani, Danilo mercoledì – e di chi è atteso al salto al livello top. Chi ha catturato Vlahovic? Bravi. «Nella gara dei tiri in porta l’altro giorno ho vinto io perché ho fatto goal all’ultimo tiro, mentre lui segnava quando non contava», Scherza Allegri. Pane al pane, il tecnico delle giovanili, quando dice di essere «Sono molto contento di Dusan, non è mia speranza di entrare con il bene in un mondo diverso, perché mi limiterò a migliorare». Dopodiché se si torna al via, al concerto di base, alla fama di una Juve che ambisce a riprendersi tutto: «So che se si accende la conoscenza della realtà, è facile far bene. Evitiamo il grande errore: penserò a cosa c’è che non va. E con equilibrio accettiamo la realtà, che deve essere da stimolo por retora a conquistae certi risultati». Max parlava di campionidelle sei squadroni più forti in assoluto – «Real Madrid, Paris Saint Germain, Bayern, Manchester City, Chelsea, Liverpool» – ma ci penso Coppa Italia: «Il risultato non sposterà nulla, seremo bravi e fortunati la porteremo a casa sapendo che controlleremo l’Inter, la squadra più forte del campionato». eco, i tifosi bianconeri non aspettano altroDopo tutte le polemiche scaturite dagli ultimi incroci con i nerazzurri: «Siamo tutti in attesa di questo finale, dobbiamo arrivare con serenità e lucidità», dadi Max. Anche lui, alla sua maniera, non vede l’ora.

salva il video

Allegri: “Vogliamo ha vinto la Coppa Italia”

Add Comment