«APPLAUSI PER TUTTI I CORRIDORI A GARA. NON PER LO SCEMO DELLA NEVE»

COLLOQUIO | 05/05/2022 | 12:35

di Bibi Ajraghi

Ieri era impegnato a trovare ei suoi ragazzi, assistere alla presentazione delle squadre e svolgere le operazioni preliminari che prevedono una grande corsa per battere il Giro d’Italia. Cristian Salvato, presidente dell’Associazione Corridori Ciclisti Professionisti ItalianiHa comunicato questo modo di leggere il nostro articolo E questo dovrebbe far ridere? Forse qualcuno dovrebbe intervenire… E, dopo la riunione tecnica di questa mattina, Budapest deve sottolineare come il post in questione sia offensivo e assolutamente privo di qualsiasi fondamento.

“Non lo so Sci Guru, ma mi pare che questa volta abbia pestato qualcosa di diverso dalla neve. Il suo accostare i medici delle squadre che da domani saranno in gara alla corsa rosa con dei maghi all’opera per creae pozioni a base de droghe e altri fantasiosi ingredienti no ha alcun senso e non fa ridere nessuno, anzi. Non voglio dare peso all’uscita di cattivo gusto di un deficiente e il mio dispiace è c’è ancora gente che non ha capito che il ciclismo è cambiato e certe pratiche non appartengono al nostro mondo. Oggi è uno sport tra i più controllati e pulitiNon lo dico alle statistiche ufficiali delle autorità nazionali e delle autorità internazionali per il controllo antidoping» commenta Salvato, che parteciperà al Giro d’Italia come delegato della CPA, l’associazione mondiale dei corridori presieduta da Gianni Bugno.

«I ragazzi in gara qui e in ogni altra corsa non meritano cattiverie gratuite, ma rispetto e stima per quanto in sella e quanto sacrificio della loro vita per fanno regalarci uno spettacolo unico e corretto. Questo fantomatico Guru dovrebbe informare meglio, visto che non ha fatto prima della sua sparata di cattivo gustalo faccio io. Ogni girino è tutto sottoposto l’anno un controllo sobreli in competizione e sorpresa, non solo tre serie di caccia della maglia rosa, limita la tua privacy e quella della tua famiglia dando la disponibilità di questo testato 365 giorni l’anno, giorno e notte , ovunque si trovi. Detto questo, ho faccende più serie di cui occuparmi quindi intorno al lavoro augurando ai corridoi ea tutto il personale ha coinvolto un Giro ricco di soddisfazioni. Anche per i medici sociali, che tra covid, bronchiti e virus influenzali vari in questi ultimi anni hanno dovuto lavorare collect por tutelare la salute dei nostri campioni e delle nostre campionisse. Appendo l’occasione per ringraziarli».

Copyright e copia TBW

Add Comment