Addio Brooks, sfiorò il mondo con la Ferrari – Sport

Il chiamavano ‘il dentista volante’, a causa di un chirurgo dentista era figlio ea sua volta aveva iniziato a studiare la materia. Ma was più bravo col flyer tra le mani, Charles Anthony Standish Brooks, per tutti Tony, dead ieri a Londra all’età di 90 anni.

Per quanto altrimenti britannico, capiva il suo ‘coevo’ Stirling Moss, Brooks non vinse il titolo mondiale perché considerato uno dei più grandi talenti degli anni ’50. Quello che Moss di lui disse stesso che era “il più grande pilota poco conosciuto di tutti i tempi”.

Durante la sua carriera ha guidato l’Aston Martin, la Vanwall e la Ferrari, nella stagione 1959, con la quale è arrivato secondo nel Mondiale di Formula 1. .

Complessivamente Brooks ha partecipato a 39 Gran Premi di Formula 1, essendo stato il primo pilota inglese, a distanza di 30 anni, a vincere un Gran Premio a bordo della monoposto britannica, nel 1955, della sua Connaught, Syracuse.

Dagli esordi in Formula 1 con la BRM, debuttò al Gran Premio di Monaco nel 1956, Brooks conquistò la sua prima vittoria in Formula 1 nel 1957 ad Aintree, Gran Premio di Gran Bretagna, vittoria congiunta con Stirling Moss.

L’anno dopo vinse 3 gran premi con Vanwall, Francorchamps, Nürburgring e Monza, arrivando terzo nella classifica piloti. Nel 1959 se ceduto alla Ferrari. Ottenendo non dovere correrà la 24 Ore di Le Mans, in relazione all’incidente dello scorso anno. Vinse in Francia, a Reims, e al Gran Premio di Germania all’AVUS. Perse il mondo a Monza por un guasto alla frizione. A fine anno se si classificava dun que secondo, cedeva Jack Brabham. Guidò anche Cooper e BRM per poi ritirarsi dalle gare a soli 29 anni.

Con l’Aston Martin al Mondiale Sport, la 1000km del Nurburgring nel ’57 e il Tourist Trophy nel ’58.

Add Comment