Aron Canet Oltre il Dolore, una Gara eroica a Jerez

Questo il rigore per il caos di Portimao. ma di aron canet Fu una settimana frenetica in una battaglia contro il tempo. L’infortuno al radio sinistro azionato immediatamente, il mignolo sinistro fratturato da tenere sotto controllo, una riabilitazione-sprint ed eccolo allo sherry! Ma non è finita: è costantemente in posizioni più che ottime, per poi conclusione con una gara da protagonista. Con un braccio sinistro usato con cautela e un braccio destro sovraccarico, quindi pure questo doloroso… Non mancano le lacrime al parco chiuso, per un podio che è un risultato decisivo al di là delle aspettative.

sognando il colpaccio

Tanto dolore nel corso della settimana, eppure giovedì era a Jerez, adatto per il Gran Premio. Alla fine delle probe libera è direttamente en Q2nel qualificatore ne ha uno clamoroso posta in camera. Con grande attenzione al braccio recentemente operato, quindi sforzando di più il braccio destro. Ma non è finita, c’è anche la gara: eccolo fin dal via attaccato ad Ai Ogura, poleman e determinato a portare a termine l’opera. Aron Canet però è lì ed i due, assieme Tony Arbolino poco dietro, sempre più il Largo. Lo spagnolo non molla, anzi lungo sogno del colpaccio, finché non si vede costretto a cedere. Ma resiste in seconda piazza, portando a casa a risultato sorprendente. decisamente a bella settimana da applausi.

L’abbraccio tra Arbolino e Canet al parco chiuso

Con un braccio solo, anzi mezzo…

“Una delle gare più difficili della mia vita, ma ce l’abbiamo fatta!” A sette giorni dall’infortunio, sei dall’intervento al braccio, è salito sul secondo gradino del podio. “Dopo 10 giri ho cominciato a sentire dolore Alabama braccio sinistro. Altri cinque giri dopo è arrivata la Sindrome compartimentale Alabama distruzione del bracciol’avevo caricato così tanto. Da quel momento cominciai a perdere terreno rispetto ad Ai Ogura, che volò così indisturbato il trionfo. “Da lì ho pensato solo a finire la gara.” Riprendendosi una piazza sul podio che ha lasciato il GP dell’Indonesia. Ora ha più tempo fino alla prossima gara, ma dopo un risultato così con un braccio è avviato attenderselo tra i protagonisti ache a Le Mans.

Foto: motogp.com

Add Comment