F1, Verstappen e Pérez espugnano Imola: trionfo Red Bull! Incubus Ferrari: Leclerc 6°, Sainz fuori

Dominio dell’olandese e del Messicano nel GP dell’Emilia Romagna, terzo Norris. Il Cavallino illude: Charles se gira quando era terzo e chiude lontano, Carlos tamponato e ritirato da Ricciardo al primo giro. Bravo Russell, quarto con la Mercedes

Dal nostro invito Giusto Ferronato

– imola

Il dominio della Red Bull e la prima vera caduta della Ferrari della stagione. Difficile l’accesso per la Torcida rossa di Imola, che sognava un GP dell’Emilia Romagna completamente diverso. Max Verstappen e Sergio Pérez non hanno riso della stessa squadra di Milton Keynes in casa dei rivali, direttamente e strappato il sorriso ai 64mila tifosi in tribuna, desiderosi di un trionfo del Cavallino, oggi azzoppato da sfortune ed errori. Verstappen è il degno vincitore di un GP che ha dominato venerdì, ha raddrizzato vincendo sabato nella Sprint Race e ancora ha dominato oggi. Giù il cappello davanti al campione del mondo, che si è pure portato casa il punto del turno aggiuntivo. Weekend clamoroso il suo, semplicemente perfetto.

limpido successo

Un successo netto che brilla in campionato perché Charles Leclerc, rispettosamente, non ha goduto del vantaggio della prima fila e ha potuto ottenere tutte le ortiche il terzo posto che aveva in tasca. Charles, forse per un eccesso di generosità, se girava al 53° giro nel tentativo di raggiungere la Red Bull di Perez e quindi si accontentava del 6° posto. Lando Norris è stato arrestato sul podio con la McLaren, mentre George Russell ha continuato a lottare e guardare con la Mercedes. La Ferrari recrimina invece contro la fortuna che Carlos Sainz è nato a via, tamponato da Ricciardo alla prima variante. Inoltre Valtteri Bottas, quinto con Alfa Romeo, Yuki Tsunoda settimo, Sebastian Vettel ottavo, Kevin Magnussen nono e Lance Stroll 10°.

inizio incubo

Inizio di gara da incubo por la Ferrari: Leclerc si è fatto sfilare da Perez e Norris, mentre Verstappen è scattato bene al commando dalla pole. Un figo, ma, l’incidente nella variante del Tamburello tra Sainz e Ricciardo: la cosa spagnola se è affiancato all’esterno alla McLaren, è transitato davanti all’australiano che però nella curva verso destra chiusa ha la traiettoria in modalità decisiva , pur avendo spazio all’esterno. Contatta inevitabile macchina sulla sinistra della Ferrari e di Sainz in testacoda nella ghiaia. Altro ritiro di Carlos e pugnalata del pubblico ferrarista in tribuna. Per la direzione se viene comunicato l’incidente del garage e quando non vi è alcun intervento, fatta eccezione per la safety car chiamata per rimuovere la F1-75 di Sainz dalla ghiaia.

fuoco di paglia

La gara si è articolata nel 5° giro con Verstappen e Perez davanti a Norris, Leclerc, Magnussen, Russell, Bottas, Alonso e Vettel. Leclerc ha entusiasmato il pubblico al 9° giro, attaccando e sorpassando la McLaren di Norris sulla variante Tamburello, mentre Alonso si è girato per primo se è stato ritirato con la schiena della sua Alpine che è stata letteralmente saltata via dalla macchina. Situazione di gara favorevolissima alla Red Bull questa, con Verstappen con 3”5 il suo Perez e 6”1 il suo Leclerc. Dietro ai primi beautiful il duello tra Magnussen e Russell: il Danish della Haas si è difeso coltello tra i denti, ma alla fin al 13° l’english turn è passato.

luminoso perez

Al 18° giro ha provato il cugino Azzardo Ricciardo, rientrando ai box per montare la gomma slick, la sua media mescola. Dei primi è stato invece Perez il primo a provarci, cavalcandolo a metà della curva 19, subito seguito da Russell. Tutti si sono accodati alla scelta tranne Verstappen, Leclerc e Norris, che hanno però sostato nel successivo (non perfect il Cambio gomme di Leclerc che ha perso un po’ di tempo). Allo stesso tempo in pista il monegasco è stato attaccato e passato da Perez, ritrovandosi così in terza posizione, ma non rassegnato: Charles si è messo in coda al Casabella e ha apettato il momento adatto all’attacco. Un momento che però Checo è stato bravo a fermarsi. Perez ha infatti alternato velocità di virata a virate più lenti che non hanno messo in difficoltà la Ferrari e contemporaneamente ha acconsentito a Verstappen di prendere 9” sul compagno di squadra e 11” suo Leclerc al 31° giro. All’emblematico 41° doppiaggio di Verstappen ai danni di Lewis Hamilton, allora 14°. Peccato per la Mercedes, ovviamente, domani Lewis probabilmente avrà un caso a causa della sua difficoltà, Russell con la stessa macchina ha lottato ai piedi del podio per tutta la gara. Lewis maschio maschio.

testacoda leclerc

La Ferrari ha provato un’ultima carta al 50° giro, montando dolcemente Leclerc. La Red Bull era nel segno con la stessa mescola per Perez a 51 e Verstappen a 52. Charles era in pista come una furia, supera Norris e attacca Perez. Ma altra pugnalata per il pubblico 53° giro: Charles ha tagliato troppo la traiettoria alla Variante Alta e si è girato, suonando leggermente il muretto esterno. La Ferrari è divisa, ma con un danno al museo che Leclerc ha dovuto restituire per la sostituzione. Dopo il patatrac il monegasco se si è ritrovato nono e ha pori almeno bene recuperato al 6° posto. Ma il trionfo è stato tutto Red Bull, tifosi a casa con le bandiere rosse ripiegate. Il campionato è lungo, ma che peccato, meritato ben altro.

l’ordine d’arrivo del gp di imola

  1. Max Verstappen (Wave – Red Bull)
  2. Sergio Pérez (Mese – Red Bull) +16.527
  3. Lando Norris (GB – McLaren) +34.834
  4. George Russell (GB-Mercedes) +42.506
  5. Valtteri Bottas (Fine – Alfa Romeo) +43.181
  6. Charles Leclerc (lun – Ferrari) +56.072
  7. Yuki Tsunoda (Giap – AlphaTauri) +61.110
  8. Sebastian Vettel (Germania – Aston Martin) +70.892
  9. Kevin Magnussen (Dan-Haas) +75.260
  10. Lance Stroll (Can – Aston Martin) + 1 giro
  11. Alexander Albon (Thai – Williams) + 1 giro
  12. Pierre Gasly (Fra – AlphaTauri) + 1 giro
  13. Lewis Hamilton (GB – Mercedes) + 1 giro
  14. Esteban Ocon (Fra – Alpine) + 1 giro
  15. Zhou Guanyu (Cin – Alfa Romeo) + 1 giro
  16. Nicholas Latifi (Can – Williams) + 1 turno
  17. Mick Schumacher (Germania – Haas) + 1 giro
  18. Daniel Ricciardo (Aus – McLaren) + 1 giro
  19. Fernando Alonso (Esp – Alpino) rit.
  20. Carlos Sainz (Esp – Ferrari) rit.

La classifica piloti dopo 4 gare

  1. Charles Leclerc (lun-Ferrari) 86 punti
  2. Max Verstappen (Wave – Red Bull) 59
  3. Sergio Perez (Mese – Red Bull) 54
  4. George Russell (GB-Mercedes) 49
  5. Carlos Sainz (Esp-Ferrari) 38
  6. Lando Norris (GB-McLaren) 35
  7. Lewis Hamilton (GB-Mercedes) 28
  8. Valtteri Bottas (Fin – Alfa Romeo) 24
  9. Esteban Ocon (Fra – Alpino) 20
  10. Kevin Magnussen (Dan-Haas) 15



Add Comment