dietro il quinto con la famiglia ruud a oslo

Di Matt Fitzgerald, Tennis.com, 11 aprile 2022

Oslo, Norvegia – In una struttura al coperto di Oslo, Casper Ruud Arrivare a trovare papà Christian perché sarà partita. È inverno, quando le condizioni sono fredde e la luce del giorno è breve e il passaggio è dovuto a un tradizionale gioco di golf a una versione virtuale della comune passione dei pappagalli. Dotato di un nuovo set di Yonex bastoni, Casper toglie la copertina di un legno 3 e se lo avvia verso il tee.

Il colpo di apertura nel gigantesco schermo del proiettore è appena discreto, per la sua stessa ammissione, oltre alla comunicazione che il giovane Ruud in posizione per attaccare il verde. Se gettaglie il guato, di lato e colpisce con un ferro corto. Chiude la buca con un’aquila.

La mente di papà Christian riapre con calma l’insodifazione, Casper lo fa girare con un sorriso affabile sul viso.

“Le dinamiche sono cambiate. Da quando sono nella Top 100, lo cucio sono stato più facili”, mi dice il 23enne con una risata. “Sto giocando con meno pressione, anche sul campo da golf. “Mi batteva spesso quando ero più giovane. Ma nell’ultimo anno o previsto, sono migliorato un po’”.

Senza farsi stupirà, papà Christian se colpisce la metropolitana che suo figlio ha un vantaggio indegno. “Ho iniziato a giocare a 18 anni. Lui è più fortunato perché ha una tecnica migliore”, dice con un sorriso ormai familiare. “Quando si tratta di tempo libero, normalmente giochiamo insieme. Si tratta sempre di una gara e ache a lui piace giocare duro con me. Sono felice di dirlo”.

Commento di Casper: “Il mio posto è sempre una sfida nel golf è lo stesso. Ti trovi sempre a gestire te stesso e le tue emozioni. Nel tennis c’è solo una frazione di secondo per turno, mentre nel golf c’è divertimento minuto dopo colpo e l’altro”.

Dopo aver trascorso una giornata con i Ruud, è emerso un ricorrente modo di interpretare la vita: qualsiasi attività può essere trasformata in una gara, ma conserving sempre quella purezza del bambino che gioca in un cortile. Mentre l’atmosfera è scherzosa sì che le azioni di Casper parlanono spensierate, la lingua dominante è l’incentivo. Tutto questo è l’intenzione strategica di mantenere vivo e fluidamente agonistico in tutto il ragazzo che inizialmente si ispirò al primo trionfo di Rafael Nadal al Roland Garros per diventare il grande talento del tennis norvegese e un potenziale futuro ascesa al trono di Parigi.

«All’inizio era solo per divertimento e giocavo con i miei compagni di classe. Ma poi più crescevo e più volevo migliorareAveva detto una volta Ruud al mio collega Kyle MacLelland. “Sognavo di essere un giocatore professionista. Volevo essere in TV un giorno e giocare sui palcoscenici più famosi”.

Dopo un mattutino filler, un viaggio in macchina attraverso la città che ha portato a vedere quanto Ruud fosse impegnato a migliorare sotto la guida del preparatore fisico Marcel da Cruz che lo seguiva da anni. Al Centro Magnat, da Cruz ha seguito il suo allievo attraverso le ore di esercizio di flessibilità, movimento e stabilità. Ma quello era solo una parte dell’equazione. Dopo una lunga serie di otturazioni, Ruud e il suo fisioterapista aggiungono altri tipi di sonda: il lancio di un sacco di fagioli, una sfida di colpi di testa calcistici e quello che può essere descritto solo come adattamento creativo del gioco di basket HORSE.

Questi intervalli di gioco avevano lo scopo specifico di creare un’atmosfera produttiva, con l’obiettivo finale di preparare Ruud a sentirsi fisicamente e mentalmente meglio che mai di fronte alla festa. “L’ambiente è vario dai tornei, ma la struttura è la stessa”, Afferma da Cruz. «Casper ce l’ha fatta. È una persona che se dà troppo da fare, senza mai cercare scuse”.

La tappa 2021 di Ruud è la prova dell’efficacia di questa formula. Ha superato nel 2020 il precedente record del padre, sempre quello del tennista norvegese con il ranking più alto, quando il cugino norvegese vinse un titolo ATP. L’anno successivo Ruud ha fatto ancora meglio: 5-0 arrivato nella disputa finale, tutte a livello di ATP 250tra cui tre titoli sulla terra battuta per tre anni Settanta consecutivi durante la tenuta europea del tennis.

Considerato in precedenza uno specialista della terra rossa, Ruud ha iniziato a rilasciare la sua di quell’etichetta raggiungendo por la prima volta gli ottavi di finale a major agli Australian Open, vincendo il suo primo trofeo di cemento a San Diego e raggiungendo le semifinali alle ATP Finals di Torino, chiudendo infine il 2021 al numero 8.

“In un certo senso, posso sempre essere considerato lo sfavorito quando gioco sul cementodice Ruud. “È un mix divertente perché ho bisogno di tagliare la palla ancora di più, proverò a venire a rete. Cerco sempre di diventare un giocatore migliore”.

Soddisfatto dei suoi progressi su tutta la linea, la terra rimane il cortile di gioco preferito da Ruud, perché met in risalto la sua rapidità, ma più di ogni altra cosa, il maggior tempo a disposizione per l’impostazione dei colpi consent to heavy sleep Dritto dentro top Spin di essere un’arma davvero efficace. È un colpo che Christian ha individuato per la prima volta come un punto di forza durante il primo anno dell’adolescenza di suo figlio, rendendosi conto che conto proficuo impegno, avrebbe potuto eccellere nell’era moderna del tennis maschile, caratterizzato dai potenti colpi da fondocampo.

“Se si evolve ogni anno. Penso che sia una delle parti migliori del tour”. afferma Christian, un ex giocatore che è stato tra i primi 40 del mondo, durante gli anni Novanta. “Questo è anche lo stato del nostro obiettivo quando ha 15, 16 anni. Qualcuno dovrà possedere il miglior dritto del mondo. Quindi, proviamo una tariffa in modalità che Casper sia quella persona”.

Il rispetto e l’apertura verso nove strade sono dovuti all’accordo che Casper ha acquisito all’inizio, quando ha sfidato la fiducia nel passato del padre. per Christian si vanti della propria natura gentile e della maturità dei suoi tre figli, Secondo la moglie Lele, è stata lei a osare un prezioso contributo sotto quest’aspetto nei pappagallo anni di formazione e si ribadisce “Sono molto orgoglioso del suo atteggiamento, del modo in cui appare con la sua persona e arriva attraverso la tv. Io sto più defilata sullo sfondo, ma abbiamo un rapporto stretto. Condividi molte cose. Sono così felice di essere una persona aperta”.

Su di lui Felix Auger-Aliassime dadi “Casper è una grande persona. Si è sempre comportarsi con molto rispetto e integrità. Come giocatore è un combattente e ha costruito uno stile di gioco molto coerente. Si merita di essere dov’è pregare. Ho moltissimo rispetto per il lavoro che ha fatto”. Sì, anche Stefanos Tsitsipas nel terribile «C’è uno dei colpi più pesanti del circuito. Ha acquisito molta esperienza e costanza. È uno che rame molto bene il campo e usa molti accorgimenti tattici nel suo gioco”.

rigore Dimitrov condividi la tua opinione. “Penso che la continuità sia la chiave principale perché ha raggiunto l’anno corto. Nessun dubbio suo questo. È uno stato in grado di conferma. Casper è diligente nel suo lavoro. Quindi gli va data atto. Questo lo rende molto pericoloso”.

Per più di un decennio, Ruud ha collaborato con il consulente tecnico Oivind Sorvald per applicare modifiche basate sull’analisi di filmati video. Non Sorvald, non tanto Christian, credo nella necessità di un grande cambiamento, e preferiscono piccoli atto piuttosto sul rinforzo positivo, identificando piccoli aggiustamenti da mettere in atto.

“Casper è un tipo visivo”, Sorvaldo dado. “Se provi a capire quando intervengo, in modo tale che tu possa trasferire le capacità che acquisisci nella tua attività”.

Come ogni giocatore di alto livello, Ruud cerca di entrare nel ristretto gruppo dei vincitori dei Major. Il prossimo passo sarà il successo del torneo minore rispetto a quello delle più prestigiose sedi di tennis, visto che Oggi Ruud ha ottenuto solo una modesta vittoria per 14-13 nello Slam. Non una volta è successo, quando un’improvvisa disgrazia alla caviglia durante una seduta di riempimento, ha dovuto affrontare una decisione difficile: giocare gli Australian Open all’80 -90 per cento, rischiando maggiori, oppure rimuoverlo preventivamente. Hai selezionato l’ultima opzione.

Salvando l’Oslo Australian Open, Ruud ha ricevuto un grande impulso dall’impresa compiuta da Nadal, Quando ha dovuto saltare al quinto mese della stagione nel 2021 per disgrazia ai piedi del sinistro, ha conquistato il suo ventunesimo titolo Slam, record assoluto per il tennis maschile, all’età di 35 anni e rmontando da due set sotto, finndo col battitore Daniil Medvedev in cinque minuti e 24 minuti.

è fonte di ispirazione. Penso che tutti i tuoi portatori siano incredibilmente motivanti per i loro appassionati, i giocatori e tutte le persone che lo tengono nel mondo”, ha scoperto Casper, un assiduo frequentatore dell’Accademia di Rafa Nadal, un collega di Buenos Aires attraverso la piattaforma Zoom. “Se sei in grado di trovarlo per strada, non è possibile immaginare il fronte di un vincitore di 21 titoli Slam, ma è molto umile e non si monta mai la testa. Prende sempre sul serio ogni partita e ogni giorno”.

Quando è tornato alla sua stagione 2022 a Buenos Aires, Ruud è stato in grado di fare la sua prima parte sentendosi meglio del previsto e ha concluso la settima mattina con una vittoria, vincendo la finale contro Diego Schwartzman. Sono affiorati i ricordi della sua victortoria, avvenuta due anni prima, quando lasciò la capitale argentina con in tasca il suo primo titolo a livello ATP, un momento precedente dà sconfitta al primo turno in cinque set agli Australian Open e dà un blocco I riempito intensi nella natia Oslo.

“Quando sono costretto a saltare un torneo, per qualche disgrazia, o mi perdo all’improvviso, mi sto sempre motivando per capire cosa e sto storto. In effetti, ho pensato che ci fosse uno dei migliori come giocatori di qualità. Ciò che ha avuto successo in Australia [ndr nel 2022] La mia motivazione sarà buona e non cercherò di vincere lo Slam e non farò altro per vincere l’ATP, ho avuto altre occasioni”.(Avrebbe poi raggiunto la sua prima finale di un Masters 1000, solo su cemento, al Miami Open)

Ruud è introspettivo, determinato sulla strada del successo, con una straordinaria energia intorno a lui. Se il pioniere norvegese trovasse il modo di far fronte alla pressione che ha sentito nello slam mentre percorreva un giro del campo da golf con suo padre, il Roland Garros a tour, sarebbe un parco giochivernato regalato da un amichevole ospite, di nome Casper.

Traduzione di Massimo Volpati e Andrea Canella

Add Comment