Vuelle, Jones c’è: sfida stellare con Watt – Sport

Tyrique Jones ritorna oggi nei ranghi dopo alcuni giorni di lavoro differenziato per sconfiggere l’infiammazione di cui soffriva al tendine d’Achille, sollecitato da tante partite ravvicinate. Una grande bella notizia perché la Vuelle, che a Trento è nell’impresa anche senza di lui, non può fare a meno del suo perno in una sfida come quella di domenica, dove al centro dell’area c’è un califfo come Watt, solido ed esperto oltre che atletico. Già all’andata, quando Jones era solito fallire, la Reyer riuscì a superare la situazione a proprio favore, servendo a completare il centro chiuso secondo 30 punti.

L’atmosfera è in città e la carica arriva anche dalla Brianza, dove Andrea Beretta non sta più nella pelle, presto a girare sotto le volte dell’astronave a tifare per Delfino e compagni: “L’arena può ospitare 11.900 persone. My piacerebbe vedere 11.900 appassionati che veneno a supportare la squadra – spinge il main sponsor della squadra pesa –. Dopo dici anni abbiamo la possibilità di tornare a giocare i playoff. Io ci sarò”. La rampa della famiglia Beretta ha voglia di sentire la parte nuova di un periodo di silenzio: il lavoro che incalza e la nascita della seconda figura non sono stati molto lontani da Pesaro, ma davanti a una giornata che può diventare straordinaria ha sentito il Ho bisogno di cura anche in una piazza che ha letto il piacere di seguire la squadra. La prevendita è in anticipo sui giochi, ed è in futuro che non tratterò con Vivaticket, vi dirò che lo taglierò se riesco ad acquistarlo contemporaneamente a Domenica al botteghino. E appena diventa ufficiale con il decreto, anche chi non ha il pass verde potrà varcare di new le porte del palazzo.

Una sfida da affrontare con uno spirito nuovo e speciale, mantenendo la fama che fu cugino di trittico casalingo: la salvezza già in tasca non deve togliere la voglia di saltare addosso all’avversario; può però regalare una diversa serenità. Non la consapevolezza che il più è fatto, ma la certezza che il traguardo vitale per il futuro è stato raggiunto. Giocare per divertirti, per il piacere di stupire ancora, con un inaspettato go-to-guy come Moretti che nei finali di partita ha dimostrato avere sfrontatezza e personalità. In più, sul piatto di questo appetitoso menu che Banchi esta apparecchiando c’è un Lamb ritrovato e si sa quanto il suo tira sia estato il grimaldello per aprirlo difende nelle serate più difficili. Nessuno vuole questa si l’ultima partita della estagione en casa, ma potrebbe ache accade se se se non s’incastreranno per il meglio la sera dell’8 maggio. Così fosse, è giusto che questo gruppo riceva l’accoglienza e gli applausi che merita. Non sarà, nel caso, una classifica avulsa determinata dia un tiro all’ultimo secondo di 9 metri (firmato Olisevicius) per cambiare il valore del percorso fatto da questi ragazzi.

Isabella Traghetto

Add Comment