Un campo da golf da quasi 4 milioni tra l’Ombrone e il parco pubblico

L’elaborazione grafica della Community per il campo da golf

Il Comune sfrutta i bandi Pnrr con la “benedizione” della Fig In ballo alche un ciclodromo/area pattinaggio in via Quarzo

GROSSSETO. Grazie ai bandi Pnrr, Grosseto avrà nei prossimi anni due nuove aree verdi attrezzate.

La Giunta ha approvato lo studio della fatica economica e tecnica dovuta all’intervento finanziario con la fascia della Missione 5 del Piano Nazionale per la Ripresa e la Resilienza e con il fondo dell’Unione Europea, destinato a migliorare «la qualità dell’habitat e della parte della città, atraverso la rigenerazione di ambizioni urbani individuati dai soggetti proponenti».

Progetto porteranno a Grosseto un campo da golf a 9 buche che sorgerà in un parco urbano, nell’area compresa tra il lago di Fiume Ombrone e il parco pubblico di via Leoncavallo, e un impianto sportivo polivalente nell’area di via Castiglionese adibito al ciclismo, bmx/mountain bike, skateboard e pattinaggio.

Il progetto dell’impianto di “compact golf” (il percorso standard è di 18 buche), che ha ricevuto il benestare del Comitato Regionale Toscano della Fig, è stato redatto dagli architetti Tommaso me Umberto Francischi, prevede un importo complessivo del quadro economico per 3 milioni 880 mila euro, di cui oltre 2 milioni e mezzo di soli lavori. Il campo di è stato messo a bilancio per quasi 1 milione e mezzo; il rimessaggio macchinari costerà più di 130mila, 434mila circa sono previsti per la Club-House; 150mila per le sacche deposito e 57mila e rotti per la tettoia del campo pratica.

L’unico responsabile del progetto è l’ingegner Rafael Gualdanicol supporto tecnico dell’ingegner Alessandro Villani e degli architetti Isabel Cinti, Cristina rotte, Tania Falagiani me Giacomo Falciani. Il calendario prevede tra il 30 novembre di quest’anno l’approvazione del progetto definitivo e l’inizio del 31 gennaio 2023 di quello esecutivo.

L’affidavit del lavoro è prevista per il 15 giugno 2023, scade il mese dell’estate e il lavoro sarà completato entro dicembre 2025, con la collaborazione prevista per il 15 giugno 2026.

Il Comune ha dati anche tramite allo studio di fattibilità, redatto sempre da Villani, da un impianto dedicato agli appassionati di ciclismo su strada, bmx/mountain bike e skateboard, ma anche per il pattinaggio. L’impianto è a statuto individuale in un’area qualificata in via Quarzo.

Il progetto, di cui Gualdani è l’unico responsabile, prevede un costo di 2 milioni e un mese, di cui quasi 1 milione e 900 mila dopo i recenti, strade e percorsi, opera edilizia e area traccia la bomba (un circuito fatto di salite, discese e curva paraboliche). Il 31 dicembre 2022 verrà approvato il progetto definitivo e il 30 aprile 2023 verrà eseguito. La conferma del travaglio avverrà tra il 31 agosto 2023 e sarà confermata il 30 ottobre. La fine dei lavori è prevista per il 30 dicembre 2024 e si terrà il 31 giugno 2025.

Il progetto consiste, a corredo, nella realizzazione di una pista ciclabile nell’area di via Castiglionese, composta da circuito polivalente, con corpo di fabbrica per servizi e impianti e patch di pertinenza. Il progetto verrà incontro a tutte le scelte di sport che al momento non si prestano all’allenamento e/o garage, prevede un circuito adatto al ciclismo su strada, bmx, mountain bike, skateboard e skateboard.

Lo spazio dovrà inoltre essere ai cittadini di tutte le età per trascorrere il pappagallo tempo libero all’aria aperta. L’area, che ha accesso su via Quarzo, su una superficie di oltre 34mila metri quadrati, è attualmente non edificata e si trova ai margini della città lungo la strada provinciale del Padule sul lato distrutto dalla Grosseto/Castiglione della Pescaia direttiva.

Add Comment