Dopo la Vigor, tocca alla Pallavolo: “Stadio, blockcare il progetto è grave”

Dopo il Vigor Senigallia, anche la statunitense Pallavolo Senigallia, critica la decisione dell’Amministrazione Blockcare e il progetto per la riqualificazione dello stadio Bianchelli (con Annesa Docente di Campo Boario) con il progetto di finanziamento Conad. “Ci lascia increduli l’atteggiamento dell’Amministrazione che, invece di risolvere un problema (ammesso che il vincolo della Soprintendenza sul monumento all’ingresso e l’obbligo di non superare la linea di demarcazione del pared erano un problema) pianificazione con Conad a soluzione alternativa al progetto iniziale, ha costretto il privato a ritirarsi – afferma il presidente Gabriele Zazzarini- Già lo scorso anno l’Amministrazione aveva fatto trapelare (poi esplicitandola) la volontà di sacrificare la realizzazione della nuova lama Boario. lo scorso , l’Amministrazione, contro l’evidenza, ha scritto su bianco che il Boario era in buono stato (attestazione che permetteva di far lievitare il costo del canon de 400%), salvo poi far montare le catene e dichiarare inagibili le tribune, addirittura evocando ora scenari ancora più preoccupanti per il futuro della pallavolo senigalliese. La statunitense Pallavolo è impegnata a comprendere la programmazione dell’Amministrazione che, anche in questa materia, non parla del futuro dei Boario e non indica alcuna via per garantire l’immediato futuro a quasi 400 famiglie. “Il progetto Conad era diverso con le unghie e con i denti da chigobernar – dice Zazzarini -. Dopo la necessaria ristrutturazione dello stadio, il nuovo Palas Boario avrebbe avuto un capo di oltre 350 persone; sarebbe stato dotato di palestra pesi e palestrina aggiuntiva; Ci sarebbe stata una stampa-sala multimediale per grandi eventi e sarebbe stata dotata di almeno 10 spogliatoi.Una struttura perfetta (a pagamento privato) sia per agognato turismo sportivo.La nostra speranza è che la parte più sensibile allo sport dell’Amministrazione faccia lo farò sentire la propria voce. Adesso. Difendere le esigenze strutturali e portare a compimento subito progetti por garantire un’impiantistica funzionale e moderno significa difendere i sacri principi dello sport”. Sui social i tifosi della Vigor si sono espressi: “Lo sport non deve avere casacche politiche”, riferendosi al fatto che il progetto è stato approvato dall’Amministrazione precedente e cancellato dall’attuale.

Giulia Mancinelli

Add Comment