Tris di Anguillara, Ischia ko e salvezza ad un passo

Gioco, set e (quasi) match. Mi rivolgerò a prestito dal tennis la più canonica delle formule usete per sancire la fine di un incontro, spesso e volentieri lungo e dispendioso, ma con ancora a briciolo di condizionale. Anguillara può mettere en fresco lo champagne, ma per stappare e fare festa manca anchors a piccolo passo, un ultimo punto che sancisce aritmeticamente la permanenza in serie B. Il calendario ora dice Genzano sabato prossimo e Marino il successivo diciassettesimo: in entrambi i quasi davanti a il pubblico amichevole. Particolarmente non molto poco, ma I ragazzi di Fagiani: conquisterò un punto stampato alla portata, ma farlo con la carezza del palazzetto stesso ha tutto un altro sapore. Riavvolgendo il nastro, il recupero di ieri con la cenerentola Ischia, salita In riva al lago with only otto elementi, è andato come doveva andare, e infine il bicchiere è stato tutto pieno.

Tre set giocati sempre in controllo, se si eccettua la prima frazione (27-25; 25-20; 25-18) disputato con addosso quell’ansia traditrice che hanno i favoriti da prognostico, riportano il sorriso e sgomberano lamente da quei patemi Vissuti durante lo stage, spesso non meritati per gioco ed abnegazione espressiva.

Ma tant’è: non è questo il momento di andare di fioretto, bisogna tenere la realtà infatti e badare al sodo. E così capitan Paris e compagni hanno fatto: senza fronzoli, compatti e convinti, ha deciso di accendere la boccata d’ossigeno attesa da troppo tempo. È ora? Nulla cambia, in realtà: bisognerà riempire con il massimo dell’impegno, della disponibilità, ascoltare le indicazioni dei tecnici e tramutarlo in tattica, questa società tutte le carte in regola per tenersi stretta la cadetteria.

ANGUILARA 3-0 ISCHIA PALLAVOLO
I PARZIALI: 27-25, 25-20, 25-18

Add Comment