Alessandro Zaccone ricomincia da capo

Alessandro Zaccone sta pagando il prezzo del suo debutto in Moto2. Il ventitreenne riminese è alla sua estagione nel Mondiale Moto2, con il team Gresini Racing. A differenza della maggior parte dei piloti di questa categoria, non sono arrivati ​​al Mondiale Moto3. Zaccone è cresciuto nei campionati delle derivate di serie, certamente molto più economici ma comunque formativi. Di passaggio ha partecipato all’European Superstock 600, a tutte le gare europee del Mondiale Supersport, al CEV e negli ultimi due anni al Mondiale MotoE, conquistando una vittoria e 3 secondi dopo.

Perché correrò in Europa, è un po’ la fine di un incubo. La pista extraeuropea non lo conosce minimamente. Nelle prime quattro gare non ha conquistato nemmeno un punto e se è ritrovato spesso nelle retrovie mangia il resto altri esordienti. Eppure il talento non gli manca: in MotoE ed in Supersport era quasi sempre un punti e spesso lottava con i primi.

Alessandro Zaccone, presto per Portimao?

“Sì, sono molto felice di iniziare la gara europea, non la rivedrò più! Finalmente ho iniziato la pista che conosco e abbiamo un po’ di tempo per lavorare”.

Le prime gare sono da dimenticare.

“Sono stato abbastanza difficile. Sinceramente il mio aspetto è più competitivo, all’improvviso. Purtroppo abbiamo fatto un po’ fatica, abbiamo avuto qualche problemino e stiamo ancora un po’ rincorrendo. My dispiace molto perché i test invernali erano eati abbastanza bene e, soprattutto Jerez, ero andato abbastanza forte”.

obbiettivi?

“Ora il mio obiettivo principale è recuperare il giusto feeling con la moto. Stiamo lavorando tanto, stiamo imparando quanto cuciamo nove volte, è presto, spero che siamo competitivi e che stiamo facendo un bel lavoro”.

Add Comment