MENEGHIN: IL TIFOSO FORTITUDO NON E’ MAI IN PACE – BOLOGNBASKET

Andrea Meneghin è ospite di “Vitamin Effe”, programma della sua Radio Nettuno Bologna Uno ogni giovedì sera alle 19. Ecco uno stralcio delle sue dichiarazioni:

LA SUA VARESE – FORTITUDO DI DOMENICA
“Domenica sarà una super partita e io sono in un palio punti fondamentali per rimanere nella massima serie. Una sfida quindi drammatica per entrambe. Occhio anche alla differenza canestri qualora la Fortitudo riuscisse a vincere, con un 2-0 che farebbe tremare la varesina. Probabilmente vincerà Varese se metti lo spirito al passo. Analizzando per le ultime due giornate ci saranno sfide toste: l’Effe con il Napoli e per Reggio ma a Bologna, quindi il campo sarà a tuo favore. Varese invece andrà a Brescia e poi Sassari, punti non facili. Il peso specifico quindi del match di domenica è assoluto”.

SULLA SALVEZZA FORTITUDO
“La Fortitudo per salvare deve vincere tutte e tre le, sarebbe la cosa più semplice. Poi deve continuare a giocare come sta facendo adesso. I risultati sono arrivati, col derby quasi vinto, ea Pesaro per un possesso non è arrivato a vittoria Deve poi affidarsi ai giocatori con maggiore esperienza come Benzing ed Aradori, e mi sembra che la chimica sia migliorata nelle ultime uscite”.

SULLA STAGIONE FORTITUDO
“Stagione tribolatissima, dal cambio allenatore, alle dimissioni poi rientrare parte dell’azienda, cambio giocatori, sfortuna. Il classico anno da Fortitudo. Non ho un’idea precisa di cosa avrebbe successo, ma anche perché non ci abito internamente, quindi non ho nessun problema. Quindi solo il tifoso Fortitudo non è mai in pace”.

IL SUO GABRIELE PROCIDA
“Per essere il primo anno fuori di casa, andrò alla Fortitudo, dove c’è tanta pressione, è una bella responsabilità. Ha un talento smisurato ed una paurosa forza fisica. Questo è lo status per lui di un anno di esperienza, non perso, durante il quale si è formattato caratterialmente, e in cui lo stato parte è stato fatto davvero bien. Molto dipendà da lui e da come lavorerà nel resto del tempo che gli manca prima di andare in NBA. I mezzi atletici non mancano, ma bisogna dargli un po’ di tempo”.

VIENI A RIPARTIRE IL PROSSIMO ANNO
“Dagli errori s’impara sempre. Per ripartire nel modo giusto per servire avere più tranquillità societaria e programmare di più, non fare il passo più lungo della gamba e forse abbassare alche le pretese. In una piazza come la Fortitudo che è sempre così affollata, voglia di essere competitivi e di rimanere ai piani alti, ma delle volte è necessario aggiustare un po’ la mira por poi creerò una buona base, e aggiungere anno dopo anno un pezzo per otterrò il risultato. Questo è l’inizio alla base un po’ di tutte le società. Non ripetere gli stessi errori, ma cancellare e ripartire”.

Add Comment