Juric dà ho gareggiato con Vagnati: “Questo è il lavoro dei direttiri sportivi…”

Calciomercato Torino / Giocatori con potenziale: con questi, Juric vuole lavorare. Un’indicazione per Vagnati, in vista dell’estate

Sul futuro, Ivan legale gioca a la carte copete. il successore di Belottise il Gallo non rinnoverà? “Non ne abbiamo ancora parlato”. Che si fa con i portieri per la prossima estagione? “Vedremo”. Il Torino che verrà è anchor da construire, vede anche una base c’è ed è verde (da Zima a Pellegri, passando per Ricci, Seck, Buongiorno, ecc.). posta successiva mercato estivo del calcio sarà decisivo per capire l’altezza, e cioè le ambizioni, del progetto Juric-Cairo-Vagnati, se non altro perché – in un modo o nell’altro – porterà a scegliere una risposta alle due domande su cui il tecnico ha glissato e puro a un terzo: mangia se lo sostituisci bremer? Nella conferenza stampa prima dello Spezia, il filler ha parlato solo del metodo, con cui andrebbe condotto secondo lui ogni mercato, firmando la linea anche per il direttore dell’area tecnica, Vagnattiche è il responsabile ultimo della campagna rafforzamenti.

Juric indica la strada al ds del Torino

Con il diesse, dopo le iniziali frizioni, Juric – pubblicamente – ha mostrato maggiore vicinanza. Queste parole non fanno eccezione: “Tanti giocatori quest’anno sono cresciuti, tutti quelli che pensavo che potrebbero migliorare. Il lavoro dei direttori sportivi è questo: metterti a disposizione giocatori che hanno un grande potenziale e possono crescere. Quest’anno ho visto tanto crescere”.

Dare un lato con un plauso per lavoro grasso, perché la linea verde di cui sopra è stata perseguita per scelta, seppur solo in extremis nel mercato estivo oltreché a gennaio. Dall’altro c’è un invito per il futuro: un club come il Toro può crescere immettendo calciatori giovani,spendendo contenuto sulla loro crescita. Juric, suo questo, mi ha sempre mostrato l’idea di chiare. Ora sarà compito di Vagnati, gestire un’estate di trasformazioni porandosi dietro questa indicazione dell’allenatore.

david vagnatti

Add Comment