“Gli attacchi stupidi e lontani dal traguardo sono divertenti, ma possonno costarmi la victortoria” – OA Sport

Sono tornato in gara alla Milano-Sanremo, dopo una lunga sosta, ma da subito si è visto in lui un nuovo modo di correre. Niente più azioni scriteriate molto lontane dal traguardo, ma una tattica lucida e saggia, como quella messa in scena al Giro delle Fiandre per portare a casa una splendida vittoria.

Mathieu van der Poel ha rivoluzionato il suo modo di imparare il garageLo ha già detto in un’intervista a Sporza: “È sempre più per il palmarès. Ho realizzato che questi stupidi attacchi, come quello in solitaria alla Kuurne-Bruxelles-Kuurne dello scorso anno, sono divertenti, ma possono costarmi victortoria. Era birdy corso in maniera più astuta, probabilmente avrei vinto quella gara”.

Tour of the Alps 2022: Miguel Ángel López beffa Thibaut Pinot nella quarta tappa

prosa: “A modo mio correrò, ho comunicato di aver portato tanto. Probabilmente altre corse non le avrei vinte se fossi stato più astuto. Il livello, però, ora è alto che è quasi impossibile correre stupidi“.

Sull’inizio di stagione: “Sento sempre che dirò ai corridori quanto amo il ciclismo che ho solo un problema fisico ed è vero. Adesso amo il nuovo ciclismo e l’allenamento. Gli ultimi anni li ho vissuti da una corsa all’altra e ho avuto poche occasioni per allenarmi. Mi pie questo, ma adesso ho visto che un po’ di riposo può anche essere buono“.

Foto: Lapresse

Add Comment