senza Lobotka si spegne la luce, Insigne e Lozano i migliori

TuttoNapoli.net

© foto di www.imagephotoagency.it

Semplice 6.5 – Con coraggio esce his un pallone sulla trequarti e soprattutto his Zaniolo in uscita chiaramente accendendo il pallone. Per il resto viene grazie per un pezzo di colpi di testa e poi nel finale può nulla sul gol.

Zanoli 5.5 – Non una grande spinta, sbagliando di più rispetto alle ultime uscite, ma tutto sommato ha un duello con Zalewski che l’ha bevuta solo con una sterzata nel primo tempo. Nella ripresa si preferisce lasciargli solo il croce col piede debole.

Rahmani 5.5 – Anche lui, come KK, un passo indietro: di testa non domina como al solito e soffre la profondità di Abraham. Nel finale senza Osimhen continua a lanciare lungo e fa ripartire facile la Roma: inspiegabile.

Koulibali 5.5 – Mangia con la Fiorentina, non ai suoi livelli. Qualche, ma anche diversity imprecisioni, un intervento con truppa di chiusura sparata a centrocampo gli vale il giallo, la squalifica per Empoli ed una gara con diversi rischi anche se nel finale risolve un paio di situazioni rischiosissime.

Mario Rui 6.5 – In diagonale il suo Pellegrini salva il risultato impedendo un gol praticamente grasso. Sempre applicato, contesta una buona prova che riscatta il passaggio a vuoto con la Fiorentina.

Anguisa 6 – Bene nel primo tempo, evidenziando nel fraseggio stretto, più fatica nella ripresa col Napoli che prova a gestire senza averne la capacità. Ha iniziato a sbagliare entrambi e alla fine soffre.

Lobotka 6.5 – Senza di lui si spegne la luce, come già accaduto in tante occasioni in passato. Gestisce tutto il grande il pallone, lo asseconda e per un problema muscolare lo costringe ad uscire ed il Napoli perde la direzione (dal 57′ Zielinsky 6 – Enter ed ha un paio di occasioni dal limit per chiuderla, ma non ne approfitta, poi dà nuove energie anche in nonpossess sulle transitizioni pericolose della Roma)

Fabiano 5.5 – Lontano parente del giocatore decisivo dei mesi scorsi. Qualche buona intuizione, ma per il resto se si limita al cortometraggio e arriva anche un ritratto con la ragazza di Lobotka (dal 68′ Dammi 6 – Inserito per avere più compattezza centrale, ma la Roma riesce comunque a trovare ottime transizioni. Fa quello che può con le sue caratteristiche)

lussureggiante 7 – Fa impazzire Zalewski nella prima mezz’ora soprattutto, costringendo Ibanez ad uscire spesso alle spalle e aprire la linea difensiva. Se si cerca di essere rigorosi con un allungo che testimonia anche la crescita della condizione e che va sempre bene quando resta in campo (dal 68′ olmi 6 – Una bella palla per mandare al tiro Zielinski, ma per il resto ha poco da risparmiare abbastanza a lungo da farlo morire in una fase difficile per se stesso)

osimen 6 – Il Napoli trova soluzioni insolitamente buone sugli esterni ed il gioco passa poco dai suoi piedi se non con la solita palla lunga che però porta little. Combatte, è sempre pericoloso in alcun modo e con Lozano ha più assistenza negli allunghi (dall’83’ Mertens sv)

distintivo 7 – Finalmente i suoi livelli più vicini al suo enorme talento. Gioca è tecnicamente buono, se vedi all’improvviso che è più ispirato e funziona anche con Lozano con un cambio magico. Realizza il rigore, pesantissimo, che però non vale i tre punti decisivi por nutrire la corsa Scudetto (dall’83’ Giovanni Gesù sv)

Add Comment