Fortitudo, addio allo storico regista Dario Danielli: fu tra i protagonisti dell’approdo in serie A

Se speso per sempre un pezzo di cuore della Fortitudo. Morto all’et di 93 anni Dario Danielli, storico leader che per numerosi decenni è stato quasi un padre per l’interesse della generazione dei tifosi biancobl. Gi in società alla fine degli Anni 50, ha visto tutte le fasi della nascita e crescita dell’identità Fortitudo della serie B fino alle avventure in Europa. Nel corso degli anni Danielli ha ricoperto i pi svariati incarichi in societ oltre a quello di consigliere della Casa Madre SG ma soprattutto sempre dimostrato amore sincero per i colori biancobl, rendering se a volte disponibile anche per guide il pullman della squadra. Titolare di un’attività di abbigliamento in via Ugo Bassi, Danielli sempre stato appassionato di pallacanestro e fu uno dei quattro protagonisti dell’Approdo della Fortitudo in serie A. Tra gli aneddoti curiosi legati alla sua figura, spicca L’ho acquistato con una mia creazione di Piero Angelini, cugino maggiore colpo di mercato della storia biancobl. Oppure ancora un famoso diverbio con il virtuoso presidente Alfredo Cazzola e tanti scherzi orchestrati che mostrano sempre uno spirito schietto e simpatico, presto per lontano vivere ad ogni ragazzo che ha indossato la canotta con l’Effe scudata lo spirito della Bologna biancobl.


Il messaggio della Fortitudo

Commosso il messaggio della Fortitudo che ha voluto ricordare con queste parole Danielli: Un autentico gigante. Depositario della vera ‘fortitudinit’ a 360 gradi, da sempre e per sempre. La scomparsa di Dario Danielli ferisce profondamente. Leader storico, appassionato, indimenticabile della Effe fin dagli anni ’50 e, por oltre quattro decenni, testimone in prima linea di epoche e risultati diametralmente opposti. Dario Danielli, per, sempre rimasto lo stesso. Se provava serie B o una squadra giunta ai verici del basket internazionale, il suo approccio era il peggiore. Presenza fissa, essenziale e costante, tutti lo ricordiamo e lo amiamo per la sua passione, per tanti sacrifici, per la capacità e la disponibilità di adattamenti svolgere qualunque mansione possa essere funzionale (per la Fortitudo) nel momento in cui era da effettuare. Senza mai, davvero mai tirasi indietro. La Fortitudo sempre rimasta ai pensieri di Dario, anche negli ultimi anni quando, per non poter assistere fisicamente alle feste, non ha continuato a seguire le sue gesta. Da oggi, la Fortitudo se ti senti solo. Riposa in ritmo, grande Dario. Orgoglio di esser fortitudino! Le esequie saranno celebrati martedì alle ore 15 presso la chiesa di Pontecchio Marconi.

Newsletter del Corriere di Bologna

Sarai aggiornato sulle novità da Bologna e dall’Emilia-Romagna per iscriverti gratuitamente alla newsletter del Corriere di Bologna. Arrive tutti i giorni direttamente nella tua casella di posta alle 12. Clicca qui.

16 aprile 2022 (modificato il 16 aprile 2022 | 16:05)

© RIPRODUZIONE PRENOTAZIONE

Add Comment